Studenti in piazza contro Di Maio e Salvini in oltre 70 città italiane

-
Scopri di più sulla domanda di messa a disposizione
Studenti in piazza contro Di Maio e Salvini in oltre 70 città italiane

Sono iniziate oggi e continueranno anche domani le proteste in settanta città italiane contro il governo Di Maio-Salvini, per chiedere più investimenti per la scuola.

In piazza sono state bruciate le bandiere della Lega e del Movimento 5 stelle, nel corso del corteo “No Salvini Day”.

Gli studenti protestano perché secondo loro si sono avute solo promesse e tagli sui finanziamenti, mentre chiedono l'approvazione dei loro emendamenti alla manovra.

A richiederlo è in particolare Giacomo Cossu, il Coordinatore nazionale di Rete della Conoscenza, Link e Udu.

Infatti, per l'Università e per il diritto allo studio non sono state destinate altre risorse nella Legge di Bilancio, e il Ministro dell'Istruzione Bussetti dice che: “bisogna scaldarsi con la legna che si ha”.

Poco dopo sono infatti saltati 29 milioni di euro di tagli: 14 sulla scuola e 15 sull'università.

Quali sono i temi in discussione

Ci sono le disuguaglianze e l'alternanza scuola lavoro, l'edilizia scolastica e gli investimenti, la legge di bilancio, le scuole sicure e il numero chiuso universitario.

Due giorni fa, per anticipare il corteo, un gruppo di studenti ha protestato all'ingresso del Provveditorato degli Studi, sono stati accesi fumogeni e depositate macerie per sottolineare le condizioni di precarietà degli edifici scolastici.

Sono stati anche affissi dei manifesti con Salvini raffigurato come un ratto e altri con il vicepremier colpito con un libro da uno studente.

Il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, ha dichiarato: “Oggi ci sono i ragazzi che manifestano qui a Napoli perché le scuole cadono a pezzi e hanno ragione. Eppure i fondi ci sono e sarebbe interessante sapere perché non sono stati spesi. Forse non vengono investiti fondi perché questo tipo di lavori non hanno un ritorno elettorale immediato”.


DIVENTARE INSEGNANTE CON LA MESSA A DISPOSIZIONE, UN SOGNO POSSIBILE ANCHE PER TE

Ascolta le storie di Anna Maria, Paolo e Caterina ed inizia anche tu la tua avventura nel mondo della scuola
Video sulla messa a disposizione

RECENSIONI UTENTI valutazione voglioinsegnare

Scopri le esperienze di chi ha già usato il nostro servizio